Ago 102020
 

A oggi le misure a favore del nucleo familiare in vigore sono diverse, dal reddito di cittadinanza al premio nascita, dal bonus bebè al buono nido, dalle detrazioni fiscali agli assegni familiari. Nel 2021 però, la maggior parte di queste misure saranno abolite, e sostituite dall’assegno unico familiare. Un nuovo sussidio in parte commisurato all’Isee che spetta per ogni figlio del nucleo famigliare. Tra le misure che non saranno sostituite dall’assegno unico è presente la Carta famiglia. Una carta che dà diritto a particolari sconti per l’acquisto di beni e servizi, a favore di tutti i membri del nucleo. Ma di cosa si tratta? E chi ne ha diritto?

La Carta famiglia DL 9/2020 anche per tutti i nuclei con almeno un figlio a carico

Come ricorda la leggepertutti.it, richiedere la carta famiglia è semplice e veloce, ma è indispensabile essere in possesso dello Spid, cioè dell’identità digitale.

La carta è destinata alle famiglie numerose, con almeno 3 figli. Per il 2020, però, considerata l’emergenza sanitaria dovuta all’epidemia di coronavirus, il Governo ha previsto la possibilità di richiedere la carta per tutte le famiglie con almeno un figlio a carico. Le domande possono essere inviate dal 31 marzo 2020, per tutto l’anno. La carta famiglia Covid, cioè la carta famiglia DL 9/2020, scade infatti il 31 dicembre 2020. Chi fa parte di una famiglia con almeno 3 figli conviventi deve richiedere perciò la carta famiglia 2020, mentre chi ha 1 o 2 figli a carico deve richiedere la Carta famiglia DL 9/2020.

L’Isee non è più richiesto

In passato, per ottenere la carta famiglia era necessario risultare in possesso di una dichiarazione Isee in corso di validità. La dichiarazione Isee, o Dsu (dichiarazione sostitutiva unica), è indispensabile per ottenere gran parte dei benefici di carattere pubblico. Dall’attestazione elaborata dall’Inps sulla base dei dati dichiarati, infatti, emergono diversi indicatori del patrimonio e del reddito della famiglia, tra i quali appunto l’Isee, indicatore della situazione economica equivalente. Attualmente, l’Isee non è più richiesto per la carta famiglia, né sono previsti importi massimi di reddito o patrimonio per ottenerla.

I genitori hanno diritto alla carta anche se non sono sposati e non convivono. Il genitore richiedente deve però convivere con almeno un figlio a carico. I cittadini di un qualsiasi Stato membro dell’Unione Europea possono chiedere la carta alle stesse condizioni poste per i cittadini italiani.

Sono necessarie le credenziali Spid

Se il richiedente soddisfa i requisiti previsti dalle attuali disposizioni, può ottenere la carta registrandoti al portale web Cartafamiglia.gov.it utilizzando le proprie credenziali Spid personali. In base alla nuova disciplina, non sono più previsti limiti riguardo ai beni e ai servizi per i quali è possibile fruire di sconti e agevolazioni. Nel sito web Carta famiglia è presente l’elenco completo dei punti convenzionati. E per beneficiare dei vantaggi della Carta famiglia, al momento del pagamento, nel punto vendita convenzionato, bisogna mostrare il codice identificativo della carta. Il cassiere controllerà se la carta è attiva e registrerà lo sconto spettante, che non può essere inferiore al 5%. Non è indispensabile stampare la carta, si può anche salvarla formato immagine su smartphone o tablet.

Sorry, the comment form is closed at this time.