In 10 anni investiti oltre 2.500 miliardi in energia rinnovabile

 Numeri e statistiche  Commenti disabilitati su In 10 anni investiti oltre 2.500 miliardi in energia rinnovabile
Set 122019
 

Lo scorso anno gli investimenti in capacità di energia rinnovabile sono stati diffusi più che mai in tutto il mondo, con 29 paesi che hanno investito ciascuno più di un miliardo di dollari, rispetto ai 25 del 2017 e ai 21 del 2016. Dal 2010 al 2019 sono stati investi a livello globale più di 2.500 miliardi di dollari nelle energie rinnovabili, soprattutto nel solare. Entro la fine di quest’anno, poi, la capacità energetica delle fonti rinnovabili dovrebbe essere quadruplicata, passando da 414 Gw a circa 1.650 Gw, escluso l’idroelettrico.

È quanto emerge dal rapporto Global Trends in Renewable Energy Investment 2019, commissionato dal Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente (Unep), pubblicato in occasione del vertice sull’azione globale per il clima dell’Onu del 23 settembre.

La Cina è il maggiore investitore, l’Italia al settimo posto

Nel decennio è stata la Cina il principale investitore nella capacità di energia rinnovabile, con 758 miliardi di dollari tra il 2010 e la prima metà del 2019. Secondi gli Stati Uniti, con 356 miliardi, e poi il Giappone, con 202 miliardi. L’Italia si piazza al settimo posto, con 82 miliardi di dollari, dopo India (90), Gran Bretagna (122) e Germania (179). L’Europa nel complesso ha investito 698 miliardi di dollari. E l’energia solare ha assorbito metà dei 2,6 trilioni di dollari in investimenti totali in capacità di energia rinnovabile effettuati nel decennio.

La capacità solare è salita di oltre 26 volte dal 2009

Il rapporto mette in risalto che la sola capacità solare è salita di oltre 26 volte dal livello del 2009, stimata da 25 Gw a 663 Gw entro fine anno. Abbastanza per produrre tutta l’energia elettrica necessaria ogni anno a circa 100 milioni di case negli Stati Uniti. Nel 2018 l’investimento per la capacità ha raggiunto 272,9 miliardi di dollari, il triplo rispetto a quello nella produzione di combustibili fossili. Le energie rinnovabili hanno generato inoltre il 12,9% dell’elettricità globale nel 2018, evitando due miliardi di tonnellate di emissioni di anidride carbonica, riporta Ansa.

Aumenta anche la competitività legata ai costi

Considerando tutte le principali tecnologie di generazione (fossili e zero-carbonio), nel decennio si prevede l’installazione di una potenza netta di 2.366 Gw, con la quota maggiore del solare (638 Gw), seguita da carbone (529 Gw), eolico (487 Gw) e gas (438 Gw).

Anche la competitività dei costi delle energie rinnovabili è aumentata nel corso del decennio, con il costo livellato dell’elettricità in calo dal 2009 dell’81% per il fotovoltaico solare e del 46% per l’eolico on shore.

“Dobbiamo rapidamente passare alle energie rinnovabili se vogliamo raggiungere gli obiettivi internazionali in materia di clima e sviluppo”, commenta Inger Andersen, direttore esecutivo del Programma ambientale delle Nazioni Unite. Le emissioni del settore energetico a livello globale negli ultimi dieci anni sono infatti aumentate di circa il 10%.

L’antropologia entra in azienda, e aiuta il marketing manager

 Numeri e statistiche  Commenti disabilitati su L’antropologia entra in azienda, e aiuta il marketing manager
Mar 282019
 

Massimizzare le vendite è l’obiettivo di ogni azienda. Ma invece di chiedersi come farlo sarebbe meglio interrogarsi su come le forze culturali, alla base delle scelte di consumo, orientino il consumatore. Fra i colossi della Silicon Valley si sta diffondendo il ruolo del CPhO, ossia il Chief Philosophy Officer, una figura professionale che viene in aiuto al marketing manager tramite l’antropologia, e analizza le aspettative dei consumatori considerando valori culturali come famiglia, successo lavorativo, risorse, e sostenibilità ambientale.

I big data cedono il passo alla “cassetta degli attrezzi” dell’antropologo

XChannel, la società per le soluzioni di marketing e comunicazione crosscanale combina big data e scienze umane per generare un impatto diretto e positivo sulle vendite delle aziende. L’antropologia sposta il focus sull’esperienza diretta che un consumatore fa di un prodotto o di un servizio, si interroga sul perché lo abbandona o viceversa. Quindi, ragionare solamente in termini di business focalizzerebbe l’interrogativo sul come ridurre il tasso di abbandono e non sul perché gli utenti decidono di lasciare o cambiare marchio o gestore. I big data insomma devono cedere il passo alla “cassetta degli attrezzi” dell’antropologo per far vendere di più.

Una metodologia adeguata di raccolta dati e processi di analisi

Scegliere la metodologia di raccolta dati e i processi di analisi più adeguati è il primo step. I dati grezzi (fotografie, diari, video, note di campo), vengono raccolti e analizzati attraverso un rigoroso e complesso processo di decodifica. che richiede al ricercatore strumenti di valutazione e di elaborazione molto accurati. Per riuscire a sintetizzare i modelli di comportamento dei consumatori, l’antropologo analizza i dati raccolti, li riconduce al modo di agire dei fruitori (attraverso i loro sentimenti, i loro desideri, i loro obiettivi) e infine utilizza strumenti specifici per leggere e spiegare cosa guida le loro scelte e le loro azioni. Lo “sguardo antropologico” è situato in uno spazio e in un tempo interni alla società, e questo significa essere sul campo: calarsi in mezzo ad altri esseri umani (o nelle loro conversazioni digitali) e, senza partire da ipotesi preconcette, osservare, capire, dialogare, interpretarne e comprenderne il comportamento, il linguaggio, le abitudini, i valori, le credenze, i desideri, i modelli di riferimento.

Comprendere le cause profonde che orientano le scelte dei consumatori

I metodi standard di indagine qualitativa usati nel mondo del marketing (focus group, sondaggi, interviste one-to-one) sono in grado di restituire alle aziende il quadro di “cosa sta avvenendo”, ma non di spiegarne il perché. L’antropologo invece applica un duplice approccio, che si basa su un sapere olistico in grado di riprodurre un ritratto del consumatore nella sua complessità (incluse le motivazioni inconsce e irrazionali che muovono le sue scelte), e dall’altro sul rigore scientifico che individua e decostruisce i principali luoghi comuni e i condizionamenti indotti dal brand.

 

Bambini davanti alla tv, tempo raddoppiato in 17 anni per gli under 2

 Numeri e statistiche  Commenti disabilitati su Bambini davanti alla tv, tempo raddoppiato in 17 anni per gli under 2
Mar 052019
 

A discapito dell’arrivo di pc, tablet e smartphone il piccolo schermo continua a essere la “tata tecnologica” più gettonata dalle mamme dei bambini più piccoli. In particolare, per quelli sotto i 6 anni, che passano davanti allo schermo televisivo addirittura il doppio del tempo passato rispetto a 17 anni fa. Almeno negli Usa, dove i bimbi sotto i 2 anni arrivano a guardare la televisione in media fino a 3 ore al giorno. Lo ha scoperto uno studio americano pubblicato su Jama Pediatrics, la rivista medica americana specializzata in pediatria, e condotto da Weiwei Chen e Jessica Adler, della Florida International University.

La tv vince su tablet, telefonini e pc soprattutto per i bimbi con meno di 2 anni

Lo studio ha valutato il tempo passato davanti a uno schermo televisivo dai bambini under 6 nel 1997 e nel 2014, quindi, prima e dopo l’era dei tablet. Per realizzarlo, i ricercatori hanno utilizzato i dati del “diario del tempo” tenuto dalle mamme di un gruppo rappresentativo di 1.327 bimbi americani nel 1997, e di 443 bambini nel 2014. E se nel lontano 1997 il tempo medio giornaliero davanti a uno schermo era di 1,3 ore per i bambini fino a 2 anni, e di quasi 2,5 ore per i bambini da 3 a 5 anni, nel 2014 le cose sono cambiate. Il tempo totale, per la fascia di età fino ai 2 anni, è più che raddoppiato, arrivando a circa 3 ore al giorno.

Dai 3 ai 5 anni il cambiamento nelle abitudini non è significativo

Quanto ai bambini dai 3 ai 5 anni, riporta Adnkronos, dallo studio non è emerso un cambiamento significativo nelle loro abitudini. Ancora una volta però a farla da padrona è la televisione, e a distanza di 17 anni la tv mostra di avere ancora un peso preponderante nella vita dei piccoli. Tanto che i ricercatori dell’università americana suggeriscono l’utilità di una ricerca futura sulla relazione tra tempo passato a guardare la tv, stile genitoriale, e rapporti tra coetanei e fratelli.

Una crescente preoccupazione

“C’è una preoccupazione crescente sul tempo che i bambini, soprattutto molto piccoli, passano davanti allo schermo – spiega Weiwei Chen, uno degli autori -. I nostri risultati sono stati sorprendenti, visto che la sensazione comune è che i dispositivi mobili siano onnipresenti, ma la televisione è ancora il modo più comune per consumare media”.

Economia italiana: una frenata lunga una vita

 Numeri e statistiche  Commenti disabilitati su Economia italiana: una frenata lunga una vita
Lug 232018
 

Le fonti Istat parlano chiaro: un’economia, quella italiana, non solo debilitata ma anche con i redditi più bassi della media europea. Un sistema economico, il nostro, complesso e frenato. L’istituto nazionale di statistica, attraverso i dati raccolti nel giugno 2018, evidenzia un’ennesima decelerazione nella rimonta economica. Nel Bel Paese si respira insomma un’aria di stanchezza diffusa e generalizzata su più fronti.

Piccoli miglioramenti rispetto al mese precedente

Ma rispetto al mese precedente, un piccolo spiraglio di luce che rasserena gli animi si è avvertito. L’inflazione aumenta, mantenendosi su ritmi inferiori a quelli dell’area euro. E se la crescita dell’eurozona rallenta, la disoccupazione cala. Il mercato del lavoro infatti appare rafforzato da un percettibile aumento occupazionale e, va da sé, di fiducia nel futuro.

Imprese faticano a crescere

Pesante invece, la situazione delle imprese, scrive AdnKronos. Faticano a crescere in particolare quelle manifatturiere, che raggiungono il livello minimo dei primi mesi del 2017 –  con un degrado – il più diffuso nell’area extra Ue –  in ambito produttivo, ed inevitabilmente, di ordini ed esportazione.

Il risultato? I nostri connazionali sono, tra alti e bassi destabilizzanti, sempre più a rischio povertà o esclusione sociale. Che secondo i dati in un anno è peggiorata arrivando a toccare il 30% della popolazione. Le nostre medie nazionali sono inferiori a quelli dell’Est come Bulgaria, Romania, Grecia e Lituania, ma superiori a quelli di francesi, tedeschi e inglesi, che oscillano tra il 18 e il 22,2%.

Una situazione ormai decennale e aggravatasi negli anni

In Italia, fino al 2007, la crescita dei redditi della popolazione a più basso reddito è stata più elevata di quella dei redditi complessivi, mentre dal 2008, periodo boom di crisi, le flessioni osservate per la stessa categoria sono state più pesanti. Parallelamente, si è alzato il divario del reddito fruibile, che ha toccato il valore minimo (5,2) nel 2007 e quello massimo (6,3) nel 2015.

Possibile “rientrare nei ranghi”?  Secondo la strategia “Europa 2020”, l’Italia dovrebbe essere in grado di “guarire” 2,2 milioni di connazionali rispetto ai valori di quell’emblematico 2008 (15.082.000 individui, cioè il 25,5% dei residenti).

L’obiettivo, dunque, sarebbe quello di ridurre a 12.882.000 unità le persone in gravi condizioni entro i prossimi due anni.

Olio d’oliva, un successo internazionale: +49% in 25 anni

 Numeri e statistiche  Commenti disabilitati su Olio d’oliva, un successo internazionale: +49% in 25 anni
Mag 312018
 

Sulla scia del successo della Dieta Mediterranea, dichiarata patrimonio dell’umanità dall’Unesco, in 25 anni l’olio d’oliva ha segnato una crescita record dei consumi mondiali: +49%.

Dal Giappone al Brasile, dalla Russia agli Stati Uniti, dalla Gran Bretagna alla Germania, lo stile alimentare Made in Italy trainato dall’olio d’oliva ha conquistato il mondo. A livello globale nel 2017 sono stati infatti consumati complessivamente 2,95 miliardi di chili, la metà dei quali nei Paesi dell’Unione Europea, con la vetta della classifica occupata dall’Italia, con 557 milioni di chili, seguita dalla Spagna (470 milioni).

È quanto emerge dall’analisi di Coldiretti sugli ultimi dati del Consiglio Oleicolo Internazionale (Coi), che conferma questo successo occasione di Cibus, il Salone internazionale dell’alimentazione.

Sul podio dei consumi salgono gli Stati Uniti

Ma sul podio, sottolinea la Coldiretti, salgono a sorpresa anche gli Stati Uniti, con un consumo di ben 315 milioni di chili quasi triplicati (+174%) rispetto a 25 anni fa. A sostenere la domanda mondiale, riporta Askanews, sono certamente gli effetti positivi sulla salute associati al consumo di olio di oliva, provati da numerosi studi scientifici che hanno fatto impennare le richieste di quel segmento di popolazione che nel mondo è attento alla qualità della propria alimentazione.

In Italia 9 famiglie su 10 consumano olio d’oliva tutti i giorni

In Italia, spiega la Coldiretti sulla base di un’indagine Ismea, 9 famiglie su 10 consumano olio d’oliva tutti i giorni secondo uno stile alimentare fondato sulla dieta mediterranea che ha consentito di conquistare primati mondiali di longevità: tanto che la speranza di vita degli italiani è salita a 82,8 anni, 85 per le donne e 80,6 per gli uomini.

Coldiretti invita però a guardare le etichette, perché c’è il rischio evidente che olio straniero venga “spacciato” come italiano, e la situazione è “ancora più preoccupante al ristorante, dove in quasi 1 caso su 4 (22%), secondo un’indagine Coldiretti/Censis, si continuano a usare oliere fuorilegge che non rispettano l’obbligo del tappo antirabbocco entrato in vigore da anni”, si legge nel rapporto.

Come riconoscere un olio extravergine di oliva di qualità?

Un olio extravergine di oliva di qualità, spiega ancora la Coldiretti, deve essere profumato all’esame olfattivo, e deve ricordare l’odore dell’erba tagliata e di sentori vegetali. All’esame gustativo, poi, deve presentarsi con sentori di amaro e piccante. Al contrario, gli oli di bassa qualità puzzano di aceto o di rancido, e all’esame gustativo sono grassi e untuosi.

Il design italiano non conosce crisi. Anzi, è al 2° posto delle grandi economie europee

 Numeri e statistiche  Commenti disabilitati su Il design italiano non conosce crisi. Anzi, è al 2° posto delle grandi economie europee
Apr 232018
 

Il design è una delle più solide strategie anticrisi. E il nostro Paese mantiene il suo ruolo di leadership in Europa. A cominciare dal numero di imprese attive: 29mila, più delle circa 26mila tedesche e francesi, delle oltre 21mila inglesi, e delle 5mila spagnole.

In totale, le oltre 179mila imprese europee di design nel 2016 hanno prodotto un fatturato superiore ai 25 miliardi di euro, e di queste una su sei è italiana. Lo si legge nel rapporto Design economy di Symbola, osservatorio sul settore presentato alla Triennale di Milano da Ermete Realacci e Domenico Sturabotti, rispettivamente presidente e direttore di Fondazione Symbola, Stefano Boeri, presidente della Triennale, e Stefano Bordone, vicepresidente di FederlegnoArredo.

Un settore che continua a crescere nonostante un’economia rallentata

Con 4,3 miliardi di euro di fatturato del design, pari allo 0,3% del Pil, l’Italia è seconda tra le grandi economie europee, dopo il Regno Unito (7,8 miliardi), davanti a Germania (3,8), Francia (2,1) e Spagna (1,1). In Italia, riferisce Askanews, in tutto possiamo contare su oltre 48mila lavoratori del settore, il 16,6% del totale Ue. Nonostante la crisi, poi, il design segna un +1,5% nell’occupazione e un +3,6% nel fatturato. Dati in evidente crescita, soprattutto negli ultimi cinque anni.

Italia sul podio anche per fatturato per addetto e numero di brevetti

Siamo sul podio anche considerando il fatturato per addetto, che in Italia si attesta a circa 90mila euro, meglio del valore medio comunitario, pari a 87.255 euro. Superano il fatturato per addetto italiano solo quello spagnolo (oltre 100mila euro per addetto) e del Regno Unito (oltre 137mila euro).

Non è tutto, perché l’Italia si colloca seconda nella hit anche per numerosità di brevetti di design, e in ben 22 delle 32 categorie aggregate previste nella ‘classificazione ufficiale Locarno’ risulta essere prima, seconda o terza.

“La cultura del design è più forte dove ci sono imprese protagoniste del made in Italy”

“Il design – commenta Realacci – non è legato solo all’estetica, ma anche alla capacità di risolvere problemi complicati, che vale oro nella complessità contemporanea: dall’ideazione di nuovi prodotti all’individuazione di nuovi mercati, fino alla ricerca di nuovi significati. Ieri come oggi – aggiunge il presidente di Fondazione Symbola – la creatività è l’infrastruttura immateriale del made in Italy, non è un caso se la cultura del design è più forte dove ci sono imprese protagoniste del made in Italy”.

Aumenta il numero delle Imprese femminili: +10mila nel 2017

 Numeri e statistiche  Commenti disabilitati su Aumenta il numero delle Imprese femminili: +10mila nel 2017
Mar 222018
 

Buone notizie e ottime prospettive per il “girl power” nel mondo del lavoro. Alla fine del 2017 sono state 10mila in più le Imprese femminili iscritte al Registro delle Camere di commercio. E con oltre un milione e 331mila attività produttive a conduzione femminile oggi rappresentano il 21,86% del totale delle imprese italiane, contro il 21,76% dell’anno precedente. Inoltre, come mostrano i dati elaborati dall’Osservatorio per l’imprenditorialità femminile di Unioncamere e InfoCamere, oggi il tessuto imprenditoriale guidato da donne sceglie forme più strutturate d’impresa rispetto al passato. Insomma, le imprenditrici aumentano di numero e di “qualità”, specie in alcuni settori chiave dell’economia nazionale come quelli artistici, sportivi, di intrattenimento e in generale dei servizi.

Crescono le società di capitali guidate da donne

Le società di capitali condotte da donne nel 2017 sono infatti aumentate di quasi il 17% rispetto al 2014, arrivando a rappresentare oltre il 21% delle imprese femminili. Al contrario, le società di persone, e le imprese individuali, pur restando la forma giuridica più diffusa nell’universo imprenditoriale femminile, si stanno progressivamente riducendo.

La crescita si concentra in Sicilia, Lazio, Campania e Lombardia

Sono ben 14 su 20 le regioni italiane in cui si ingrossano le file delle capitane d’impresa. La crescita più consistente si concentra però in 4 regioni: Sicilia, Lazio, Campania e Lombardia. A dicembre 2017, rispetto a dicembre 2016, lo stock delle imprese femminili attive su questi territori ha segnato un aumento complessivo di oltre 8mila attività. Quasi la metà del saldo complessivo si deve all’aumento delle imprese femminili attive nel settore turistico e in quello delle Altre attività dei servizi, all’interno delle quali l’apporto più consistente viene dai servizi alla persona.

Le giovani imprenditrici puntano su arte, sport e intrattenimento

Attività artistiche, sportive, di intrattenimento (+2,2%) sono gli ambiti in cui, all’interno dell’universo femminile dell’impresa, si fa sentire maggiormente la presenza di giovani capitane d’azienda. Se infatti le oltre 170mila imprese guidate da under 35 “pesano” mediamente il 12,78% sul totale delle imprese femminili, qui la loro incidenza è maggiore, e le giovani imprenditrici sono quasi il 15% delle imprese femminili del settore. L’apporto delle giovani al tessuto imprenditoriale femminile sale addirittura al 18% nel caso delle Attività finanziarie e assicurative, è intorno al 17% nelle Altre attività dei servizi e nell’Alloggio e ristorazione, e sfiora la ragguardevole percentuale del 14% nel Noleggio, agenzie di viaggio e servizi di supporto.

A Milano e in Lombardia l’imprenditoria si tinge di rosa

 Numeri e statistiche  Commenti disabilitati su A Milano e in Lombardia l’imprenditoria si tinge di rosa
Nov 132017
 

Milano si conferma sempre più non soltanto la capitale dell’imprenditoria italiana, ma anche un vero e proprio palcoscenico delle pari opportunità. In città, infatti, ogni giorno “nascono”

dieci nuove imprenditrici. Un dato che può solo rendere orgogliosi i milanesi e, soprattutto, le milanesi, particolarmente attive nei settori dei servizi alla persona e nel turismo, ma anche nel credito e nel manifatturiero.

Quasi 2 mila iscrizioni dei primi sei mesi 2017

Milano conta, a fine 2016, 52mila imprese femminili: lo rivela l’analisi condotta sui dati della Camera di commercio di Milano, Monza Brianza e Lodi. Questa cifra rappresenta il 17,6% delle imprese totali del territorio. I dati sono benauguranti anche a livello lombardo, con 155mila imprese femminili (il 19% territoriale) e le 1 milione e 160 mila italiane (22,5%). Il peso maggiore delle donne alla guida di un’azienda milanese è nei servizi alla persona (40%) e nel turismo (24%). Più alta della media milanese la presenza nel commercio e nei servizi alle imprese (18,5% circa).

Milano incrementa la sua quota rosa

Una presenza che si mantiene e si rafforza leggermente a Milano, nei primi sei mesi del 2017 rispetto allo stesso periodo dello scorso anno (+0,4%), con 1.876 imprese neo iscritte, oltre 10 al giorno. Un dato positivo rispetto al -5,4% nazionale e al -4,4% lombardo.

Nuove attività nel credito e nel manifatturiero

A Milano l’impresa femminile cresce grazie alle attività create nel credito (110, + 25%) e nel manifatturiero (151, +10%), con una tenuta nel commercio (507, -0,8%), nel turismo (158, -0,6%), settori entrambi con iscrizioni in calo nel Paese (- 12%). Tra Milano, Monza e Lodi, le imprese femminili sono 66 mila, di cui 11 mila  a Monza e 3 mila a  Lodi.

“Occorre sostenere la partecipazione delle donne all’economia di Milano. Si tratta di un elemento importante che caratterizza il nostro territorio e che contribuisce a sostenere la crescita. Presentiamo strumenti concreti per dare un contributo in questa direzione. Come Camera di commercio siamo attivi con un Comitato per l’Imprenditoria Femminile a supporto delle nuove idee imprenditoriali” ha dichiarato Erica Corti, della Camera di Commercio Metropolitana di Milano-Monza-Brianza-Lodi.

Aiuti concreti anche a livello regionale e nazionale

Oltre che il supporto della Camera di Commercio, l’attività imprenditoriale femminile può trovare diversi strumenti –  opportunità agevolative, finanziamenti di varia natura e programmi operativi di sostegno – anche a livello Regionale e nazionale. Le occasioni non mancano, quindi, basta saperle cogliere al meglio.