Feb 212020
 

Analizzare l’impatto dell’inserimento dei provvedimenti di welfare aziendale sui lavoratori e le loro famiglie, e individuare le misure per fare in modo che risponda ai propositi originari dei provvedimenti. Ovvero, aumento del benessere del lavoratore, incremento della produttività aziendale e integrazione con il welfare pubblico. Si tratta degli obiettivi di un’indagine, realizzata da Nomisma in collaborazione con Cgil, sulla valutazione e l’utilizzo dei servizi di welfare aziendale da parte dei lavoratori. La ricerca riguarda circa 70 aziende, la maggior parte con oltre 250 dipendenti, e un campione di 1.822 lavoratori, suddivisi tra impiegati (49%), operai (45%) e quadri (6%).

La conoscenza dei servizi e chi ne usufruisce

Più di un terzo degli intervistati risponde di essere pienamente consapevole dell’argomento, ma il 9% dichiara di non essere affatto a conoscenza delle iniziative. I meno informati risultano gli operai, con il 28% che dichiara di conoscere poco o nulla del tema, contro il 20% degli impiegati e l’8% dei quadri. Inoltre, se il 55% dei lavoratori coinvolti fruisce delle prestazioni di welfare aziendale all’aumentare dell’inquadramento e del titolo di studio aumenta anche la fruizione (quadri 66%, e laureati 62%). A usufruirne di più sono le donne (61%) e le famiglie con figli (59%). Per quanto riguarda i motivi del mancato utilizzo dei servizi, il 39% ritiene che tali strumenti non intercettino gli attuali bisogni, e il 38% preferisce ricevere somme in denaro.

La valutazione dei lavoratori

L’insieme dei servizi di welfare aziendale messi a disposizione dalle aziende è ampio e variegato. Gli interventi che presentano il maggior grado di soddisfazione sono la mobilità casa-lavoro, i mutui e i prestiti, oltre ai servizi su educazione e istruzione. Tra quelli maggiormente diffusi fringe benefit (28%), educazione e istruzione (25%), previdenza assicurativa (21%) e assistenza sanitaria (20%). In ogni caso dalla ricerca emerge una valutazione positiva rispetto all’utilità delle iniziative di welfare (70%). Tra gli utilizzatori, il 70% ritiene che l’introduzione di tali provvedimenti abbia comportato benefici in termini economici e il 43% di benessere generale. E per il 31% il welfare ha contribuito a migliorare il rapporto con l’azienda, mentre per il 27% ha agevolato il senso di appartenenza del dipendente all’impresa.

Il conflitto tra le reali esigenze delle persone e la capacità di soddisfarle

Nonostante la generale valutazione positiva sui benefit sembra che il welfare non stia ancora esprimendo appieno le proprie potenzialità. Si evidenzia, infatti, il conflitto tra le reali esigenze delle persone e la capacità di questi strumenti di soddisfarle. È necessario quindi intervenire per evitare che il welfare aziendale si trasformi in una mera misura di beneficio fiscale dagli impatti contenuti, recuperando la funzione sociale dello strumento e rendendolo coerente con i fabbisogni dei lavoratori. L’impresa dovrebbe prendere atto che si tratta di un potente meccanismo in grado di aumentare la produttività, migliorare il clima aziendale e rafforzare il senso di appartenenza.

Sorry, the comment form is closed at this time.