Feb 102021
 

Durante il 2021 casa, salute e famiglia continueranno a essere al centro della vita degli italiani, che allo stesso tempo manifestano il desiderio di novità, speranza e cambiamento. Aumenta quindi la voglia di socialità e vita outdoor, e cresce la necessità di mettere ordine alle priorità della vita, dedicando più tempo alle persone care, al benessere psicofisico, e alla sostenibilità negli acquisti. È questo il quadro del New Normal che emerge dall’edizione di gennaio 2021 del Rapporto Coop Nomisma 2020 – Economia, consumi e stili di vita degli italiani di oggi e di domani. Sebbene la ripresa economica del Paese sia ancora lontana, gli italiani hanno bisogno di voltare pagina e ripartire, anche rinnovandosi. Il 23% degli intervistati desidera infatti “costruire qualcosa di nuovo”, e per il 37% la parola “speranza” è quella che descrive meglio il 2021, seguita da “cambiamento” (19%).

Casa e famiglia, ma anche voglia di viaggi e socialità

Secondo la survey, il tempo trascorso a casa e con la famiglia sarà ancora al centro della vita degli italiani nel 2021, con il 27% che dichiara che dedicherà più tempo ai figli, e il 28% a parenti anziani o non autosufficienti. Il desiderio di socialità e di vita all’aperto però si farà sempre più forte, in particolare la voglia di viaggiare: oltre 4 italiani su 10 affermano che nei prossimi 12 mesi viaggeranno con maggior frequenza, e più di 1 italiano su 3 vorrebbe passare più serate in compagnia. Rispetto ai dati registrati nella survey di agosto, cresce anche l’intenzione di frequentare concerti (24%), spettacoli dal vivo (27%), cinema, teatri e musei (24%).

Maggiore interesse per la salute fisica e mentale

La pandemia da Covid-19 lascia in eredità un rinnovato interesse verso la salute fisica e mentale, tant’è che 7 persone su 10 daranno maggiore importanza a questo aspetto. In particolare, il 42% aumenterà la propria attività fisica e il 21% frequenterà Spa e centri benessere. Scelte maggiormente salutari si rifletteranno anche sugli spostamenti, e gli italiani preferiranno modalità di spostamento che possano combinare la crescente attenzione agli aspetti green con quelli più salutistici. Nel 2021 il 47% si muoverà più spesso a piedi e il 25% sceglierà con maggior frequenza la bicicletta. Si prevede un forte calo, invece, nell’utilizzo dei mezzi pubblici.

Sobrietà e sostenibilità al primo posto, anche nella moda

Nel 2021, inoltre, il 43% delle persone prenderà decisioni d’acquisto sulla base dell’impatto che avranno sull’ambiente. Questo comportamento rispecchia perfettamente la tendenza riscontrata dalla consumer survey di Nomisma, ossia un maggiore orientamento alla sobrietà e alla sostenibilità, atteggiamento che coinvolgerà anche il settore della moda. Il 35% delle persone, infatti, dichiara che acquisterà più abiti sostenibili (ossia che rispettano ambiente e lavoratori), il 32% opterà per vestiti che durino più di una stagione e il 22% prediligerà l’abbigliamento fatto in casa. Si prevede, quindi, una flessione della richiesta di abiti fashion e di alta moda.

Sorry, the comment form is closed at this time.