Ott 142019
 

L’estate la stagione più pericolosa per i nostri smartphone. È durante le vacanze infatti che si verificano gli episodi più dannosi per i nostri cellulari. Tra tuffi in mare, sabbiature non richieste e cadute improbabili è nella stagione calda che si registra il più alto picco di rotture dei cellulari d’Italia. Tanto che la top ten delle regioni italiane più a “rischio rottura” conferma al primo posto la Sardegna, sul podio insieme a Lazio ed Emilia Romagna, rispettivamente al 2° e 3° posto. A seguire Campania, Toscana, Puglia, Veneto, Trentino, Liguria, mentre la regione con i più attenti è stata il Molise.

La causa più diffusa è la classica caduta in acqua

A stilare la classifica delle regioni e delle nazioni dove si sono rotti più telefoni è il centro studi statistico di iFix-iPhone.com, network di centri specializzati in riparazione smartphone.

“Il luogo più pericoloso rimane sempre la spiaggia e la causa più diffusa la classica caduta in acqua, mentre sorprende l’alto numero di smartphone dimenticati sul tettuccio dell’auto con la disastrosa conseguenza di vedere gli smartphone cadere alla prima frenata ed essere calpestati dai veicoli”, spiega Joseph Caruso, responsabile del centro statistico iFix-iPhone.com.

Spagna, Grecia e Francia sul podio per numero di “incidenti”

In testa alla classifica delle nazioni più “sfortunate” si piazza la Spagna, seguita dalla Grecia, le mete più gettonate dai giovanissimi. Che però si sono rivelati i più attenti, poiché le richieste di assistenza per la fascia 18-24 anni è stata solo dell’11,26%. Al terzo posto si colloca la Francia, dove si sono svolti i mondiali di calcio femminile. Forse,  come l’anno scorso per i tifosi croati, i festeggiamenti hanno involontariamente contribuito a far salire il numero di incidenti. La Francia però è anche la meta preferita dai 25-35enni, che anche quest’anno guadagnano la fascia dei più distratti, con un boom di richieste del 29,85%. A seguire gli Usa, Albania, Germania, Gran Bretagna, Svizzera, Turchia, e infine l’Irlanda.

Uomini più distratti delle donne

Per quanto riguarda i generi, a dispetto dello scorso anno, sono stati gli uomini a rompere più dispositivi (59.15%) rispetto alla donne (40,85%), mentre i luoghi in cui si sono verificate le maggiori rotture sono stati il mare e il lago, più che la montagna, i locali notturni e la casa, principalmente in cucina e in bagno.

“I nostri dati ci dicono che sono i mesi estivi quelli a maggior rischio per i cellulari, a causa dei maggiori trasferimenti e distrazioni – commenta Joseph Caruso -. Eppure per evitare di rovinarci le vacanze basterebbe seguire alcuni semplici accorgimenti, adottando qualche accortezza in più, come per esempio acquistare custodie antiurto o impermeabili oppure evitare di lasciare lo smartphone al sole”.

Sorry, the comment form is closed at this time.