Mar 302020
 

La didattica online è entrata nella quotidianità di studenti e docenti. Se all’inizio della crisi Covid-19 veniva coinvolto solo 1 studente su 5 nelle zone rosse, ora si è passati alla quasi totalità dei ragazzi. L’ultima rilevazione dell’Osservatorio Scuola a Distanza, realizzato settimanalmente dal portale Skuola.net a partire dall’inizio dell’emergenza, attesta che sono poco meno di 9 studenti su 10 a utilizzare lo smart learning. Solo alle scuole medie si fa più fatica. Qui è il 77% degli studenti a essere online, contro il 90% registrato nell’ultimo triennio delle superiori.

Il gap tra Sud e Nord è nel tipo di strumenti utilizzati

Stentano a decollare, invece, le verifiche online. Solamente 1 studente su 4 ha già sperimentato interrogazioni o compiti in classe da remoto, ma probabilmente è solo questione di tempo, perché in una sola settimana la percentuale è quasi raddoppiata. Il gap tra Mezzogiorno e regioni settentrionali, tuttavia, rimane, e si riscontra nel tipo di strumenti utilizzati. Nelle classi del Nord, abituate a infrastrutture più stabili, ma anche da più giorni alle prese con le chiusure, si sono invece definitivamente affermate le piattaforme maggiormente evolute per effettuare lezioni interattive in video conferenza, sfruttate dal 58% degli studenti. Il 15%, però, continua a restare escluso dal cambiamento interagendo con i docenti tramite semplici e-mail, gruppi WhatsApp e social network.

Video-lezioni, compiti da correggere online, materiali di approfondimento

Al Sud è ancora il registro elettronico il cardine su cui quasi sempre poggia la didattica a distanza (47%), ed è solo il 30% che si affida alle piattaforme di ultima generazione. Oltre la metà (51%) degli alunni del Nord (qualcosa meno alle medie) assiste invece a video-lezioni svolte in diretta dagli insegnanti, ma al 35% vengono semplicemente assegnati compiti da fare subito e da correggere online. E poco più di 1 su 10 si deve accontentare di materiali di approfondimento suggeriti dai prof. Al Sud, al contrario, sono gli esercizi a distanza quelli più presenti (54%), il 23% può confrontarsi col docente in diretta streaming e fredda assegnazione di compiti per quasi 1 su 4, riporta Ansa.

Anche al Centro la correzione a distanza degli esercizi è la più gettonata è (46%), il 34% riesce a fare lezioni interattive, e il 20% si ferma al passaggio di materiali.

Il nemico principale è la distrazione 

Resta comunque il fatto che agli studenti non piace questo modo di fare scuola. Solo per il 48% può tranquillamente sostituire la didattica frontale.

Il nemico principale dello smart learning è la distrazione. Il 35% degli studenti dicono che a casa non riescono a mantenere la concentrazione, e il 24% non riesce a capire fino in fondo le spiegazioni. Il 19%, poi, si lamenta che potrebbe risultare falsata la valutazione da parte degli insegnanti. E c’è un 13% (il 23% alle medie) che non è ancora partito con la didattica a distanza.

Sorry, the comment form is closed at this time.